www.polinesia.it

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

SMF - Appena installato!

Autore Topic: IL TATUAGGIO MARCHESIANO  (Letto 5868 volte)

iaorana

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 256
  • I sogni attraversano gli oceani
    • Mostra profilo
    • http://www.gullivercrociere.it
IL TATUAGGIO MARCHESIANO
« il: 19 Marzo 2008, 05:04:40 »

IL TATUAGGIO MARCHESIANO


Premessa

Viene chiamato marchesiano poiché è dalle marchesi che è arrivato a noi in modo ancora puro e senza contaminazione alcuna dell’occidente. Ovviamente è diffuso su tutto il territorio e svariati sono i tatuatori che si possono reperire prevalentemente nelle isole della società . Da qualche anno è stato instituita una manifestazione a Tahiti, in ottobre, che raccoglie un po tutti i tatuatori polinesiani ed anche  qualche ospite proveniente dal triangolo polinesiano.
Come forse sapete i polinesiani non conoscevano la scrittura , un po come la maggior parte dei popoli dell’oceania e la trasmissione del sapere era prevalentemente orale .
Il tatuaggio, in qualche maniera, è una prima forma di scrittura, di rappresentazione del verbale su un supporto , anche la pelle può servire al bisogno. Ogni segno ha un significato preciso e, inserito in contesti diversi assume anche significati diversi . Ultimamente si sta cercando di studiare meglio i significati ancestrali dei segni del Tatou polinesiano per tentare di decifrare i famosi Rongo Rongo di Rapanui, l’Isola di Pasqua.
 Polinesiani che hanno colonizzato Rapanui e nei secoli hanno sviluppato una forma di scrittura molto primitiva ma ancora oggi non decifrabile.
Queste righe per dire che il tatuaggio che si pratica qui non è una moda transitoria o per turisti, ed ogni tatuaggio racconta una storia. Sta a voi , nel richiedere il tatuaggio, far comprendere al tatuatore ciò che desiderate o meglio ciò che volete che il tatou racconti per voi .
Prima di intraprendere questo viaggio a tempo pieno, più che decennale oramai,  intorno alle genti del mondo non avrei mai pensato di farne uno. Oggi, ne ho 3 ed ognuno, simbolo dopo simbolo, racconta un momento preciso della mia ultima vita .
La farò un po lunga forse, ma seguitemi se avete interesse per questa espressione culturale e tradizionale mah’oi . Ne vale la pena !

Il senso del Tatuaggio

Tradizionalmente il tatuaggio era riservato alle classi superiori . Questa pratica era legata al desiderio di rinforzare l’attrattiva sessuale, l’esaltazione delle vita, del guerriero, l’aspirazione di diventare degli dei .
Uomini e donne portavano dei tatuaggi su diverse parti del corpo; le differenze sociali erano sottolineate attraverso segni corrispondenti ad ogni classe sociale. Il tutto sotto il controllo vigilante degli Ari’i roi (sacerdoti) : quando ad una persona venivano riconosciuti dei meriti , poteva farsi aggiungere un altro tatuaggio ai precedenti .
Le donne erano meno tatuate ma i disegni erano più eleganti e meglio eseguiti poiché erano considerati come un ornamento, una parure. Di contro gli uomini non di rado avevano l’intero corpo tatuato ad eccezione del viso , salvo qualche guerriero o qualche prete che portava un emblema particolare sulla fronte o sulle labbra . Ovviamente i capi tribù esibivano una incredibile varietà di motivi che facevano riferimento a grandi imprese o avvenimenti importanti .
Comunque senza elencarli tutti possiamo dire che esistevano quattro  tipologie di tatuaggi a seconda delle classi e funzioni sociali. Bastava incontrarsi per sapere chi si aveva davanti!

La Leggenda

Come tutte le leggende polinesiane , anche questa ha a che fare con gli dei , semidei e uomini che passano da uno stato all’altro a seconda dell’evoluzione della storia.
Comunque, durante il “Po” ( periodo dell’oscurità) il tatuaggio è stato creato da due figli del Dio Ta’aroa : Mata Mata Arahu ( colui che incide con il carbone della legna) e l’altro fratello Tu Ra’i Po ( colui che risiede nel cielo oscuro) . Questi due, insieme a Taere ( dio con estrema abilità) e Hina Ere Ere Manua ( La figlia del primo uomo (Ti’i) e della prima donna Hina ) facevano parte di un gruppo di artigiani . Diventando sempre più grande ed attraente Hina Ere Ere Manua , fu rinchiusa dalla madre Hina in un luogo fuori da occhi indiscreti per preservare la sua verginità .
Ma, i due fratelli decisero comunque di sedurla e fu così che inventarono il tatuaggio , si ornarono di motivi chiamati Tao maro mata e riuscirono così a sedurla e a farla fuggire e tanto era il desiderio di avere anche lei quei motivi sulla pelle che la tatuarono.
Questa è dunque l’origine divina del tatuaggio !
All’inizio fu praticato dai figli di Ta’aroa ( la principale divinità Tahitiana) e successivamente trasmessa agli uomini che, trovandola una pratica estremamente decorativa, finirono per farne un abbondante uso. I due figli del dio Ta’aroa divengono quindi gli dei del tatuaggio ed ancora oggi vengono invocati questi illustri predecessori prima di intraprendere un tatuaggio, in modo che venga perfetto e i disegni siano belli da vedere.
E’ una forma di cultura tradizione che si è mantenuta intatta .

L’operazione del Tatuaggio

Doloroso ma sopportabile , il tatuaggio si effettua in una sola seduta salvo disegni che occupano parti intere del corpo, la schiena ad esempio. Seppure la maggior parte dei tatuatori mette a disposizione un book con le foto e disegni dei tatou già fatti difficilmente ne avrete uno uguale .
Qui non si applicano trasferibili sulla pelle sulle cui tracce fare il Tatou . Si disegna direttamente sulla pelle con una penna i tratti salienti, tanto per dare l’idea delle dimensioni e stile del disegno e poi, come per il disegno, tutto è a mano libera e libera fantasia del tatuatore.
Il tatuaggio è un qualcosa di strettamente personale e per alcuni aspetti unico!
Anticamente, la cerimonia del tatuaggio era un vero proprio rito con suoni di tamburi, flauti(nasali) e conchiglie. Numerosi erano i motivi ed ogni disegno aveva un suo nome specifico; alcuni sono tuttora conosciuti come ad esempio quelli del dorso ( Papai Taputua, Urupo’o) , quelli sulle natiche (A’ie) , sul viso (A’ie Aro) . Il prete tatuatore disponeva di due strumenti essenziali : un bastone di legno al quale veniva fissato all’estremità un oggetto appuntito o solitamente con diverse punte ; a questo scopo si usava un pezzo di conchiglia, ossa di uccello, denti di vari pesci etc e poi un altro bastone più piccolo con il quale si percuoteva l’altro , in modo che potesse incidere la pelle .
La tintura utilizzata era a base di legno o frutti bruciati e polverizzati . Si mescolava poi questa polvere con acqua o con monoi . La tintura sotto pelle prendeva un colore bluastro assolutamente indelebile. Dopo l’operazione del tatuaggio la pelle veniva curata con olio di tamanu e monoi .
Oggi l’operazione del tatuaggio si effettua con strumenti elettrici come in occidente, con aghi sterili che vengono cambiati anche durante la stessa seduta, e con tutte le garanzie igieniche del caso .
Sono cambiati quindi gli strumenti ma non l’essenza e la tradizione del tatuaggio marchesiano.
Se volete farne uno piccolo non vi sono grossi problemi di tempi per fare il bagno, è sufficiente ricoprirlo con olio di tamanu ma esporlo il meno possibile al sole . la soluzione ideale è farlo il giorno prima della partenza . A Papeete al mercato troverete due fratelli tatuatori che sono molto bravi, ma vi conviene prenotare quando arrivate a Tahiti per farlo poi al ritorno, prima della partenza. Altre isole sulle quali potete trovare tatuatori affidabili e bravi sono Moorea, Huahine, Raiatea e Bora. Questa è la mia esperienza!
Ringrazio il mio Tatuatore Isidor qui a Raiatea per le informazioni che mi ha fornito e che mi hanno permesso di scrivere queste righe sulla storia del tatuaggio marchesiano.
Nana arue a tutti
Michele 



Connesso
I sogni attraversano gli oceani
http://michele-gulliver.blogspot.com/

aitaepeapea

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 1137
    • Mostra profilo
Re: IL TATUAGGIO MARCHESIANO
« Risposta #1 il: 19 Marzo 2008, 09:16:45 »

mauruuru roa iaorana!

é proprio come racconta Michele, ragazzi....anch'io ed il mio compagno abbiamo diversi tatuaggi, opera dei due fratelli che menziona proprio lui, ed ognuno racconta di noi, delle nostre passioni e in qualche modo è una specie di "amuleto" sotto la pelle.

Anch'io, classe 63, decisamente non più una ragazzina, fino a qualche anno fa, prima della mia prima volta in Polinesia, e con una professione che non avrei mai ritenuto compatibile con un tatuaggio  non avrei mai concepito l'idea di "marchiarmi" indelebilmente la pelle, oltretutto ho sempre trovato di gusto quantomeno discutibile tanti tatuaggi sfoggiati sulle nostre spiaggie

Ma è successa una delle tante magie che spesso avvengono in Polinesia (il racconto di Michele aiuta molto ad intuirne la natura), e ora sono orgogliosa di sfoggiare i miei tre tatuaggi....e sto già pensando da diversi mesi al prossimo...
la cosa pazzesca che tra i fans più sfegatati dei miei tattoo ci sono...i mei genitori!!!

se non è una magia questa....

nana
pat
Connesso
Together...we can live with the sadness
I'll love you with all the madness in my soul
Someday girl I don't know when,we're gonna get to that place where we really want to go and we'll walk in the sun But till then tramps like us baby we were born to run