www.polinesia.it

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

SMF - Appena installato!

Autore Topic: Riflessioni........  (Letto 13579 volte)

braccobaldo

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 105
    • Mostra profilo
Re: Riflessioni........
« Risposta #15 il: 16 Giugno 2011, 17:12:22 »


Non nascondo il fatto che anche la Polinesia sta cambiando ed in fretta e le nuove generazioni, quelle che nei prossimi 10 anni saranno la linfa della Polinesia avranno solo un vago ricordo della loro cultura e delle loro tradizioni .... purtroppo ... e non parliamo del clima politico e sociale esplosivo...non è questa la sede.
Comunque un ben ritrovati a tutti .
Michele
Caro Michele,
mi dispiace dirtelo ma tu, come disse un bravo regista, "non hai pietà di me"........ti chiedo: "avresti mai il coraggio di dire a tuo figlio di 4 anni davanti l'albero di Natale la notte del 24 dicembre che babbo natale non esiste?", immagino che la tua risposta sia no, allora ti chiedo perchè vuoi distruggere i sogni del bambino braccobaldo?....perchè vuoi dire a Peter Pan che l'isola che non c'è è affondata?......perchè vuoi dire a Pinocchio che il paese dei balocchi è stato incendiato?
Io non credo che vuoi avere una vita sulla tua coscienza? allora ti prego, anche a costo di mentirmi ma non raccontarmi le sventure della mia Patria; per esempio, se per assurdo dovesse scoppiare una guerra tu scrivi che i fuochi di Capodanno sono stati anticipati......
Comunque, a parte gli scherzi concordo con tutto ciò che hai scritto tu ma anche altri affezionati del forum e, a proposito dei sogni, immagino sempre più spesso la scena che un giorno, quando tu accoglierai una coppia italiana sulla tua casa, dopo essergli andato incontro ed allungato la mano pronunciando il tuo nome alla stretta della mano di lui sentirai pronunciare, "piacere Braccobaldo"........
« Ultima modifica: 16 Giugno 2011, 17:27:11 da braccobaldo »
Connesso

dolce_luna80

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 446
    • Mostra profilo
Re: Riflessioni........
« Risposta #16 il: 17 Giugno 2011, 15:22:10 »

a proposito dei sogni, immagino sempre pi� spesso la scena che un giorno, quando tu accoglierai una coppia italiana sulla tua casa, dopo essergli andato incontro ed allungato la mano pronunciando il tuo nome alla stretta della mano di lui sentirai pronunciare, "piacere Braccobaldo"........

...E questo è davvero un sogno meraviglioso!!!  :)
Connesso
Dato che non penseremo mai nello stesso modo e vedremo la verità per frammenti e da diversi angoli di visuale, la regola della nostra condotta è la tolleranza reciproca. (Gandhi)

iaorana

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 256
  • I sogni attraversano gli oceani
    • Mostra profilo
    • http://www.gullivercrociere.it
Re: Riflessioni........
« Risposta #17 il: 18 Giugno 2011, 19:53:34 »

In realtà.... caro Braccobaldo...... avresti potuto leggere le ultime righe sulla situazione polinesiana in un'altro modo ..." allora quando ti decidi a venire da queste parti ? vuoi proprio aspettare che tutto cambi in negativo ?"
Uno sprone, laddove ce ne fosse bisogno ad accellerare i tempi di realizzazione dei sogni perchè anche loro aimè ...hanno una scadenza ...... a volte dettata dalla natura del sogno e a volte da chi lo deve realizzare !!!
Comunque, agli occhi del turista ancora non si nota questo cambiamento , anche perchè essendo la prima volta che viene non sa come era prima ma io che ci sono da 11 anni il cambiamento lo vedo e lo noto anno dopo anno e non è disaffezione del luogo o della gente ....tant'è che sono qui a parlarne, è un cambiamento di valori, sempre più vicini a quelli occidentali , mannaggia a noi, ma con l'irruenza di un bimbo che ha appena scoperto un gioco nuovo ed abbandona l'altro che ha tanto amato e con il quale ha tanto giocato e sognato.
I politici non sfuggono a questa regola, sono dei bambini che aperti al mondo si sentono come in un negozio di giocattoli e non sanno più dove posare lo sguardo e così si assiste giorno dopo giorno alle fantasie del presidente che un giorno dichiara che la Polinesia deve essere iscritta tra i paesi da decolonizzare, pur non essendo una colonia, il giorno dopo che con il contributo cee la Polinesia diventerà il primo produttore di idrogeno ( forse aveva letto focus la sera prima)  e giusto ieri che per incrementare il turismo bisogna lasciare libero commercio alla "paka" , la maria locale  o che andrebbe sfruttata la scoperta che nell'oceano che contorna la Polinesia c'è una specie di piramide sottomarina che emette delle onde ( questa non è neppure da focus junior) .
Purtroppo queste persono devono decidere dell'avvenire di questa gente che per la maggior parte è gente semplice e credulona e se lo chef dice che è così ...sarà vero !!
Aita a'pea a'pea !!!!
Un saluto
Michele

ps . Un abbraccio anche a te Aitapeapea
Connesso
I sogni attraversano gli oceani
http://michele-gulliver.blogspot.com/

Tamata

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 5
    • Mostra profilo
Re: Riflessioni........
« Risposta #18 il: 19 Giugno 2011, 03:46:39 »

La situazione io non la vedo poi cosi' grigia.
Se infatti vi fosse un buona amministrazione, stabile ed efficiente, quale sarebbe il risultato della sua azione di governo e in sintesi l'obiettivo di qualunque governo nel mondo?
Più lavoro per tutti , più soldi sul territorio, più investimenti, polinesiani con maggiore potere d'acquisto, più auto, più strade, più palazzi, più supermercati, più consumismo, più inquinamento...
In pratica ci si allontanerebbe ancor più dal tanto sperato "ritorno alle origini".
Non è facile da dire, soprattutto visti i gravi problemi economici in cui versano molte famiglie polinesiane, ma, ahimè, la riscoperta del vivere tradizionale passa inevitabilmente attraverso una fase critica e di sacrificio diretta alla scomparsa progressiva dei mali del vecchio mondo che abbiamo esportato fin qui in Polinesia e che i locali hanno fatto loro con notevole zelo.
Quando parlo del vivere tradizionale, intendo l'unico modo di vivere sano e sostenibile che sia possibile su di un'isola nel Pacifico, cioè quello sviluppato dagli antichi maohi in secoli di vita a contatto con la natura; non vi è altro modo. Ogni stile di vita diverso da questo sarà sempre in perdita, abruttimento della società, economicamente insostenibile e prima o poi verrà abbandonato.
Sono fiducioso nel futuro.
Qui ogni cosa che non ci è concessa dalla natura, è falsa, artificiale e artificiosa, prodotta a migliaia di chilometri di distanza e mantenuta in efficienza grazie ad ingenti aiuti dall'esterno, finiti questi, non ci vorrà molto a ricordarsi dell'età dell'oro in cui uomini e natura parlavano la stessa lingua.
Chiusi i rubinetti economici, della Fracia ad esempio, cosa ne sarà di tutte quelle attività volte a mantenere forzatamente in vita questo sistema insostenibile?
In sintesi ritengo che il male peggiore che ci siamo portati dietro sia proprio il denaro che ha creato nella società polinesiana di un tempo (una società in cui prevaleva una certa uguaglianza almeno sul piano economico) le divisioni tra ricchi e poveri snaturando di fatto la primitiva bellezza e saggezza del popolo maohi.
Quindi perchè invocare una politica forte e capace se poi l'obiettivo di tale politica sarebbe inevitabilmente una maggiore occidentalizzazione, negativamente parlando, dell'amato fenua?
I polinesiani non hanno bisogno della politica.
La politica crea loro solo dei problemi in quanto politica, sia che sia buona sia che cattiva.
La sola soluzione, utopica purtroppo, sarebbe quella di vedere eletta un'assemblea di veri polinesiani legati alle antiche tradizioni e non alle moderne dinamiche del mercato e della burocrazia. Parlo di poeti, danzatori, musicisti, scrittori, storici, artigiani, e altri ancora con un presidente della PF del calibro di Henri Hiro.
Si, solo cosi' la polinesia potrebbe tornare quella di un tempo; non che oggi sia un brutto posto per viverci o passare le vacanze anzi, ma prima o poi balzano all'occhio le innumerevoli contradizioni di queste isole.
Per quanto riguarda la riscoperta della cultura tradizionale da parte dei polinesiani, bisogna sapere che non è affatto in declino come si sente dire: andiamo a vedere a che punto si era anche solo negli anni '50 e facciamo un confronto con i giorni nostri.
Si ha come la falsa sensazione che eventi culturali come l'heiva siano ormai cosa rara.
Falso, Gran parte delle antiche tradizioni hanno cominciato a riaffiorare solo negli ultimi decenni dopo assere restate nell'ombra (imposta dai civilizzatori bianchi) per un paio di secoli.
Quindi, ripeto, la tendenza attuale non è poi cosi' negativa.
I polinesiani moderni vivono nel sistema mantenuto forzatamente in vita di cui si parlava poco sopra, sono quindi forzati a questo consumismo, a queste mode, a questo complesso di inferiorità verso i popa'a (sia pure nascosto dietro alla loro fierezza di essere diversi) ma vi garantisco c'è tutta una società pronta al cambiamento, pronta al ritorno alle origini!
Perchè altrimenti ogni volta che parti da Papeete per le isole e ne parli con qualche polinesiano ti dice entusiasta: wow! c'est bien dans les iles! c'est tranquille, la peche, le ma'a tahiti, pas des voiture...
Vi dico, la stragrande maggioranza dei polinesiani, oggi, vorrebbe essere come i loro antenati.
Si ritrovano purtroppo incastrati nel sistema generato in gran parte a causa della bomba e per questo si ritrovano a Papeete con un lavoro, una casa, una famiglia, delle responsabilità.
Non è facile per loro partire o cambiare; pensate alle vittime delle catastrofi naturali ovunque nel mondo, nonostante vi siano le massime condizioni per partire e lasciarsi tutto alle spalle, la prima cosa che queste persone desiderano non è forse ricostruire tale e quale la loro casa li' dove esisteva prima del cataclisma?
Quindi immaginiamo le difficoltà, soprattutto psicologiche e sociali, che reprimono in parte questa voglia di cambiamento dei polinesiani.
Conosco personalmente diversi giovani polinesiani che si stanno organizzando per partire verso le isole, per raggiungere la famiglia anche negli atolli più sperduti col preciso obiettivo di vivere semplice, lavorando serenamente nella copra, formare una famiglia, crescere i propri figli in un ambiente sano.
Crediamo nei polinesiani, sono creduloni si, ma ormai la lezione su questo tipo di progresso  l'hanno capita, forse meglio e prima di noi; diamogli tempo, fiducia e, per una volta, lasciamoli veramente padroni del loro avvenire; non resteremo delusi!
Connesso