www.polinesia.it

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

SMF - Appena installato!

Autore Topic: Polinesia: Istruzioni per l'uso ( Revisione 2008)  (Letto 1493 volte)

iaorana

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 256
  • I sogni attraversano gli oceani
    • Mostra profilo
    • http://www.gullivercrociere.it
Polinesia: Istruzioni per l'uso ( Revisione 2008)
« il: 10 Dicembre 2008, 12:35:29 »

POLINESIA: ISTRUZIONI PER L’USO
 
 Da luglio del 2000 vivo in Polinesia e con la mia barca, il Gulliver l’ho girata in lungo e in largo e, non di rado, in luoghi dove il turismo è pressoché sconosciuto. Amo questa terra e il suo mare ma ciò che più mi appaga è il vivere a stretto contatto con la gente di Polinesia, la sua cultura, la sua storia e le sue tradizioni e ancor oggi ne continuo a scoprire, vivere e leggerne sfumature interessanti e lati inaspettati. Non amo gli hotel di lusso e le catene alberghiere perché danno una immagine falsa della vita e della realtà polinesiana e spesso  la loro stessa ubicazione, crea di fatto una barriera con il territorio e la gente circostante. Preferisco di gran lunga le pensioni di famiglia , spesso gestite da polinesiani o franco-polinesiani, sempre più numerose e di norma ben tenute . Ma questo non è la sola motivazione . Una pensione di famiglia ha costi minori di ¼ e spesso anche più di un Hotel e ciò che pagherete resta certamente nell’economia polinesiana . Il risparmio sul soggiorno vi permetterà di fare qualche giorno in più , qualche isola in più od escursioni aggiuntive o…. semplicemente risparmiare sul viaggio. E’ pur vero che nell’immaginario collettivo il soggiorno in Polinesia  è vissuto sull’ “overwater” posizionato nella laguna turchese e, per un viaggio di nozze è uno sfizio da togliersi. Toglietevi pure lo sfizio, magari gli ultimi due giorni.. ma, credetemi… non ne fate il vostro soggiorno : è una spesa superflua .  Questa premessa era d’obbligo per evitare equivoci sul mio concetto di viaggio e quindi fare una prima selezione di chi vorrà leggere queste righe.

IL VIAGGIO AEREO

I miei consigli sono questi. Cercate di prenotare con largo anticipo poiché è più facile trovare biglietti con prezzi più bassi  e a parità di prezzo scegliete come compagnia Air Tahiti Nui poiché è quella di bandiera, ha aerei nuovi e comodi, si mangia bene e vi dà una “anteprima” polinesiana già dalla vostra partenza da Parigi...Per il volo intercontinentale affidatevi comunque alla vostra agenzia di viaggi o meglio ancora alle agenzie specializzate sulla destinazione Polinesia , poiché il settore aereo è in continua evoluzione. Un’agenzia che lavora molto bene sulla Polinesia e mi sento di consigliare è certamente la KiaOra(www.kiaoraviaggi.it ) . Una ipotesi da non scartare potrebbe essere quella di non passare dagli USA ma dal Cile e in questo modo fare scalo a Rapanui,( http://www.rapanuiweb.com/800/MenuIta.html ) meglio conosciuta come l’isola di Pasqua . Potrebbe essere la ciliegia sulla torta di un viaggio “ dall’altra parte del mondo”: Costa qualcosa in più ma quando mai avrete l’opportunità di visitare l’isola di Pasqua che pur rientra nel triangolo polinesiano? Inoltre questa scelta può darvi l’opportunità di visitare una terra stupenda come il Cile  (http://www.exploringchile.com/MAPPA-DEL-CILE/chile-s_3/maps.html ).Per chi ritiene di avere problemi di Fuso una o due pastiglie di Melatonina aiutano il ciclo sonno-veglia e potrete arrivare più riposati a Tahiti e viceversa. Sempre più coppie scelgono di fermarsi a New York qualche giorno per “interrompere il viaggio “ ma, la mia personale valutazione è che la scelta non è dettata da un reale problema di fuso. In un viaggio come questo, sottrarre giorni alla Polinesia e viverli negli USA non mi sembra una buona scelta e si finisce per dover rinunciare a qualche atollo o isola per una passeggiata nella Grande Mela . Gli Usa sono una destinazione facile e potrete programmare un viaggio quando vorrete e, magari, in modo più completo di uno scalo. Accertatevi che il passaporto sia in regola con le norme americane e verificate che nel frattempo non siano cambiate : rischiate di arrivare in aeroporto e dover tornare indietro e, se tutto va bene , far lievitare il costo del viaggio oltre a rinunciare a qualche giorno in Polinesia. Controllate anche le ultime regolamentazioni antiterroristiche americane sui bagagli e adeguatevi (http://www.polinesia.it/forum/patchwork/nuove-norme-per-ingresso-transito-negli-usa-dal-2009/ . Non stupitevi se verrete schedati con tanto di impronte digitali e foto segnaletica oltre al riconoscimento digitale del passaporto; la vostra compagnia aerea ha dovuto già fornire il vostro itinerario , quindi è tutto sotto controllo. Personalmente è da due anni che ho scelto di non passare più dagli USA ma via Cile .Ma questo è tutto altro argomento!
Gli spostamenti aerei tra le isole li farete con Air Tahiti (http://www.airtahiti.aero/horaires.php ) . Non c’è alcun problema a contattare tramite email l’ufficio prenotazioni della compagnia e acquistare il Pass (http://www.airtahiti.aero/articles.php?id=69 )più conveniente per il vostro itinerario. Sul sito potrete trovare tutte le informazioni; le uniche avvertenze sono quelle di verificare bene le frequenze dei voli nella settimana e che il Pass prevede la partenza da Tahiti e il ritorno a Tahiti , quindi da Tahiti partite , visitate le isole in programma in qualsiasi combinazione senza fare scali intermedi su Tahiti . La compagnia accetta delle deroghe ma vi costano di più . Il pagamento potete farlo con carta di credito e ritirate i biglietti al vostro arrivo nell’agenzia dell’aereoporto . Se programmate il viaggio in luglio/agosto,mesi di alta stagione qui in Polinesia,  optate per la prima metà di luglio poiché qui in luglio c’è l’Heiva . Un mese che vede tutti i villaggi della Polinesia in festa e normalmente già a partire dal martedì. Ogni sera , ma anche durante la giornata, vi sono competizioni tradizionali quali il sollevamento della pietra, il giavellotto polinesiano ( colpire una noce di cocco a 10mt di altezza), la corsa dei portatori di frutta, concorso di tressage in fibre di cocco e pandanus etc e poi il pezzo forte che sono le danze e i cori polinesiani . La competizione è tra le frazioni di ogni villaggio ed è uno spettacolo superbo ed unico poiché lo fanno per il loro piacere e non per i turisti, altro che le  vahinè e qualche tanè (il maschio)che potrebbero farvi vedere in un albergo o nel superato e più che  turisticizzato Tiki Village a Moorea. Informatevi in loco sul programma dell’Heiva che si svolgerà nell’isola o nel distretto.

BAGAGLIO

Il traffico aereo diventa ogni anno più importante e, sui lunghi viaggi come quello che che vi porterà in Polinesia, farete almeno 3 scali  oltre a quelli interni tra un’isola e l’altra. Il Bagaglio seguirà il vostro percorso nel 90, 95% dei casi .
A proposito di quel 5, 10% dei casi è utile prevedere questa evenienza inserendo nel bagaglio a mano il minimo indispensabile per “ sopravvivere” qualche giorno : costume da bagno , pantaloncino, maglietta , ricambio intimo etc. , ma senza esagerare. Un altro consiglio che in qualche caso si è rivelato utile è quello di scegliere un bagaglio “visibile” ed “individuabile” . La maggior parte dei bagagli ha un colore che va dal grigio al nero : un bagaglio giallo o rosso è facilmente riconoscibile o, comunque, si può applicare un nastro colorato o un adesivo di impatto. Vedete voi !  Evitate se possibile bagagli che già da vuoti pesano 5kg e più  ed inutilmente voluminosi . Le compagnie aeree sono sempre più fiscali sui pesi max dei bagagli e l’eccesso si paga molto salato. La mia personale statistica su più di un centinaio di coppie che sono venute in Polinesia , mi dice che almeno il 50% del bagaglio ritorna in Italia così come è stato riposto alla partenza: Mai Usato !!!
Comunque, anche su quello che viene usato permettetemi un consiglio dettato dall’esperienza di questi anni. Non portatevi quegli enormi e pesanti teli da spiaggia in ciniglia/spugna : si impregnano facilmente di acqua di mare e non si asciugano mai per davvero. Meglio un pareo e se proprio vi scappa di asciugarvi usate un piccolo asciugamano  “ a nido d’ape” : entrambi si asciugano al sole facilmente e se volete lavarli con acqua dolce è un attimo lavarli e asciugarli.
L’ottima scelta di una coppia può essere portata ad esempio. Due accappatoi e due piccoli asciugamani in microfibra , il tutto in un piccolo contenitore di plastica tipo quello che contiene le 3  palle da tennis . Non faccio pubblicità a marche ma si trovano facilmente nei negozi di articoli sportivi.
La maggior parte dei capi di abbigliamento si possono arrotolare su se stessi tipo salame : credetemi, occupano poco spazio, sono più facilmente stivabili e quando li srotolate saranno certamente meno spiegazzati di quelli stesi con cura in valigia. Provare per credere!!! Un’ultima considerazione. E’ un viaggio in un paese tropicale dove resterete per la maggior parte del tempo in costume e tra bagni di mare e docce non avrete il tempo di sporcare gran che e, se proprio vi necessita una maglietta in più o un pareo, comprateli qui : resteranno in ogni caso un bel ricordo del viaggio. Inserisco questa raccomandazione nel capitolo bagaglio poiché oramai ne fa parte.
Oramai tutti usano la macchina fotografica digitale e/o cinepresa; probabilmente anche voi . Non dimenticate di portarvi delle schede di memoria sufficienti come pure delle batterie di ricambio con il suo carica batterie . Non pesa quasi niente quindi, portatevi anche il cavetto Usb per scaricare le foto… non si sa mai . Se non avete una custodia subacquea non dimenticate di prendere delle macchine monouso o similari : farete delle belle foto facendo snorkeling in laguna.
So bene che dopo aver letto queste righe caccerete comunque l’inverosimile in valigia ma non costa molto dare qualche consiglio.

INFORMAZIONI E CONSIGLI GENERALI

Il momento migliore per venire in Polinesia è nell’inverno australe che corrisponde alla nostra estate , è in generale il periodo più secco e quindi con minore percentuale di umidità nell’aria e minori precipitazioni. La temperatura è più fresca e si va da un min. di 22° nella notte ad un max di 28/29 durante il giorno . La temperatura è più fresca poiché in questo periodo c’è quasi sempre vento  da Sud-Est , quello che qui chiamano il Maramu. Essendo  nell’emisfero sud il vento da sud è fresco ! Potrà sembrare lapalissiano ma, non credo per tutti. Il clima cambia in tutto il mondo quindi non stupitevi di trovare anche in inverno alcune giornate di pioggia e senza Maramù .Qui siamo in inverno e quindi le ore di luce sono inferiori a quelle di sole . A seconda dello scorrere dei mesi il sole sorge mediamente verso le 6 e tramonta verso le  17,30 . La temperatura del mare si tiene sui 27/28°e in lagune molto protette anche 3 o 4° in più . Prevedete quindi un golf per le passeggiate serali , in particolare se c’è vento. Portatevi qualche repellente per le zanzare e un dopopuntura poiché nelle zone con vegetazione è facile incontrare zanzare che adorano sangue occidentale. Per la notte portatevi un fornelletto con pastiglie o liquido che potrete collegare ad una presa ( togliete preventivamente la spina centrale della terra altrimenti non riuscirete ad utilizzarlo con le spine francesi oppure prendete il set universale).
 La Polinesia è il paese dell’informalità , sia per consuetudine che per clima ; qui anche i personaggi più importanti ed in vista vestono semplicemente . Infradito, pantaloncini e maglietta per l’uomo e infradito, pareo e maglietta o top per la donna .  Non portate parei nel paese dei parei, lo acquistate qui e resterà anche un bel ricordo. Se volete comprare un pareo Polinesiano attenzione alle etichette : l’unico produttore polinesiano è Arii Creation   La gente di Polinesia è diventata molto religiosa e la maggioranza è protestante e cattolica, quindi anche se lo tollerano perché siete turisti, se non siete in spiaggia non andate in giro in costume : è una forma di rispetto nei loro confronti e saranno ancora più disponibili . Premesso che la maggior parte dei polinesiani non fa il bagno in questo periodo poiché è inverno e l’acqua “ è fredda” ,difficilmente troverete una donna polinesiana fare il bagno in costume: quasi sempre con pantaloncini e maglietta. Se cercate il divertimento serale così come viene inteso in occidente questo non è il posto giusto. Si va a letto presto e al levare del sole si è già in piedi per approfittare della giornata. Il venerdì sera e il sabato potrete trovare delle feste nei villaggi o negli hotel : informatevi . I negozi aprono alle 6,30, 7 e i caffè o piccole trattorie dove fare colazione  a volte anche prima. Dimenticate il mito della sessualità polinesiana , esso è morto laddove sia esistito come tale, con l’arrivo dei primi colonizzatori e poi con i missionari. Se , al contrario, avete letto della sensualità , della grazia, della semplicità delle donne polinesiane bhè questo è tutto vero. Vi basterà vedere danzare una qualsiasi polinesiana , senza distinzione di età , per rendervene conto.
Contrariamente a quanto si può dedurre dalle foto dei depliant patinati dei T.O. la Polinesia non è famosa per le sue lunghe e grandi spiagge bianche ma, bensì, per le sue lagune e il saper vivere della gente polinesiana . Certo ci sono spiagge ma sono generalmente piccole con la vegetazione giusto a ridosso e potrete trovare corallo già a qualche metro dalla riva .Le spiagge che troverete negli hotel , nel 90% dei casi sono di sabbia riportata e sottratta alle zone sabbiose della laguna.
 Nel programmare il vostro viaggio non puntate a vedere il maggior numero di isole o atolli altrimenti sarete sempre con una valigia in mano e non coglierete quasi niente di questo paese. Restate al minimo 3 o 4 gg nello stesso posto : come tutte le cose belle e che fanno piacere nella vita, anche questa, va gustata e non divorata e allora…. almeno ne ricorderete il sapore . La gentilezza, l’affabilità ,il sorriso e la disponibilità richiama altrettanto quindi siatelo nei confronti della gente e vedrete che sarete ripagati in modo più che proporzionale . Siate curiosi ed aperti , chiedete e vedrete la disponibilità  e la cura con la quale saranno felici di spiegare e farvi apprendere della loro tradizione, sia essa in cucina che alla pesca o nella danza  poiché è questo per loro motivo di orgoglio. A proposito di cucina, qui si mangia molto bene poiché è un melange di cucina polinesiana, cinese e francese . Bisogna viaggiare anche con il “gusto” quindi non date per scontato che un certo tipo di piatto non vi piacerà : assaggiatelo senza preconcetti e scoprirete sapori nuovi che vi conquisteranno.
 Denaro speso per noleggiare uno scooter, una bici, una vettura, una canoa o una piccola barca a motore sono soldi ben spesi poiché vi permetteranno in terra di ammirare la vegetazione prorompente e di fare qualche incontro interessante e per mare, in laguna, di vedere l’isola dalla sua prospettiva migliore e magari fare dello snorkeling nei tanti giardini di corallo nelle vicinanze del reef . Se poi il vostro budget ve lo consente fatevi qualche giorno in barca per isole (http://www.viaggiatorionline.com/gulliver%20crociera.pdf )
: è il modo migliore per vedere e visitare le isole. Le Isole della società si prestano particolarmente ad essere visitate e vissute in barca a vela e sarete sempre in escursione al costo di una buona pensione di famiglia .
Evitate i delfinari, lagunarium e similari o il pasto degli squali : sono iniziative turistiche malsane e personalmente non le incoraggio . Tra l’altro con un decreto dell’aprile 2006 , il governo polinesiano ha vietato il pasto agli squali come pure la sua caccia per scopi commerciali ( vedi pinne di squalo per la cucina orientale) , il problema che non essendoci controlli troverete certamente qualcuno che vi proporrà una escursione con pasti a squali e razze . I delfini potete vederli facilmente nelle Pass ( interruzione del reef che permette l’accesso alla laguna) e loro dintorni .Quale migliore lagunarium ( recinto che contiene i pesci tipici del luogo) che la stessa laguna , con i pesci liberi e nel loro habitat che, è il caso di dirlo , vi vengono ad osservare . Se proprio volete vedere gli squali , o fate una immersione con un diving , oppure vi concedete a Bora una escursione con il piccolo sottomarino giallo . Ma , se nel vostro itinerario c’è anche Tahaa potreste andare all’Hibiscus (http://www.hibiscustahaa.com/ )dove il buon amico Leo gestisce la omonima fondazione per la protezione delle tartarughe di mare . In delle vasche a mare potrete osservare le tartarughe verdi che sono sotto cura per ferite o semplicemente in riabilitazione prima di essere liberate in mare aperto . Potrete sempre chiedere se una tartaruga è pronta per essere liberata  e quindi adottarla . Negli ultimi anni , insieme alle tante coppie che sono venute sul Gulliver ne abbiamo adottate e liberata parecchie decine  . Permettetemi ancora una raccomandazione.
Se qualche escursione vi propone di fare una passeggiata sulla barriera corallina: Non andateci !( E’ proibito ma ancora una volta non ci sono controlli) La barriera corallina ha già un suo equilibrio molto instabile grazie all’uomo , se poi ci camminiamo anche sopra siamo degli incoscienti . Dove metterete la vostra impronta delle scarpe ci vorranno decenni prima che si rigeneri : ne vale veramente la pena ? Il corallo e la laguna vanno preservati con cura : è un dovere di tutti.  
Imparate presto quelle 4 o 5 parole di polinesiano e usatele tipo: Iaorana (  il nostro buongiorno ma viene usato in qualsiasi ora ) Maururu ( Grazie) , Nanà ( Ciao, ma usato solo come addio, arrivederci) , Manuia ( alla salute, cin cin, buona fortuna) , Mei tei ? ( come và ? ) e poi….. siate curiosi e chiedete.
Negli atolli delle Tuamotù siate un po risparmiasi con l’acqua dolce : non ne hanno tanta .Non usate litrate di bagno schiuma ( non avete lavorato in miniera) : ciò non è utile né per la vostra pelle né per la laguna che in  un modo o nell’altro lo assorbirà. Come dopo sole e idratante provate ad usare l’olio di Monoi (http://www.polinesia.it/forum/racconti-di-viaggio/monoi-de-tahiti/ )o la sua versione in crema e se vi siete arrossati provate l’olio di Tamanù (http://www.polinesia.it/forum/racconti-di-viaggio/l'olio-di-tamanu'/ )oppure la sua versione in crema . Vedrete che dopo l’uso ve ne porterete un po anche in Italia . L’olio di Tamanù prendetelo in ogni caso : è un toccasana per tutti i problemi di pelle e… dico tutti. Cercate di non ferirvi con il corallo altrimenti vi rovinate la vacanza e sarete costretti a non fare il bagno per diversi giorni altrimenti si infetta tutta la ferita.
Un’ ultima info . A parte Tahiti, nelle altre isole l’autostop funziona abbastanza bene quindi se volete spostarvi da una parte all’altra dell’isola o per andare al villaggio o per ritornare alla pensione , mettete fuori il pollicione e disegnatevi un bel sorriso sul vostro viso rosso cotto dal sole( non a caso i polinesiani ci chiamano “Popa’a” che vuol dire appunto “ uomo bianco bruciato dal sole )  e vedrete che qualche polinesiano in furgonette vi farà salire e, seppure il suo farè è prima della pensione, allungherà la strada e vi accompagnerà con piacere.

......... continua  ( il post era troppo lungo e l'ho diviso in due )




Connesso
I sogni attraversano gli oceani
http://michele-gulliver.blogspot.com/