www.polinesia.it

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

SMF - Appena installato!

Autore Topic: Il mio viaggio in Paradiso  (Letto 3666 volte)

ari

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 323
    • Mostra profilo
Il mio viaggio in Paradiso
« il: 25 Settembre 2008, 13:49:18 »

Ciao, visto che ci sono, spero vi faccia piacere, vi posto anche io il mio viaggio in Polinesia dal 18 giugno al 4 luglio 2008 giorno in cui, ahimè, siamo tornati a casa. L’ho postato anche in Turisti per caso, quindi è possibile che qualcuno lo abbia già letto. Anche se qui ho cercato di sintetizzare. Il viaggio più bello della mia vita.
Il viaggio è stato lungo e massacrante? Mah! Forse per qualcun altro. Io non me ne sono proprio accorta. Ancora oggi ho come l’impressione di essere stata tele-trasportata direttamente là.
Quello che colpisce di più quando sei in Polinesia è la grande luce, noi non siamo abituati con la nostra cappetta sopra la testa a vedere così tanta luce. Poi c'è anche un grande silenzio. Il cielo la sera è stupendo, alzate al testa e rimanete senza fiato, una miriade infinita di stelle, si vede anche benissimo la via lattea. Le zanzare dov'erano? Boh! Ne ho viste solo due e le ho anche schiacciate.
Per fortuna noi abbiamo sempre trovato bel tempo, anche se una volta o due lo scroscetto di pioggia di 20 minuti lo ha fatto nel tardo pomeriggio, poi è ritornato bel tempo o meglio la luna, visto che era quasi buio. Il sole va via presto, alle cinque o poco più in là c'è già il tramonto. Quando riuscite a vederlo però, perchè nel momento in cui il sole è sulla linea del mare, arriva da lontano la nuvoletta di Fantozzi che lo copre e addio tramonto. Il cielo è tutto azzurro tranne……………… dove c'è il sole.
Dicono che i polinesiani sono malmostosi, poi in un sito una ragazza che vive là ha dato alcuni consigli, come interessarsi della loro lingua, cercare di imparare qualche parola, perché a loro fa piacere. Beh! E’ tutto vero. Sarà che per me non è stato un grande sacrificio, visto che mi piace molto parlare altre lingue, imparare anche alcune parole, (anche se parlo solo l’inglese).
Dicevo poco, come: grazie, si, no, bello, buono, arrivederci, buongiorno. Se non le sapevo, lo chiedevo a loro come si diceva. E con solo questo, loro erano affabili, si stupivano che tentassi di parlare la loro lingua, erano divertiti della cosa ma anche compiaciuti. Con noi sono stati gentilissimi. E se non pronunciavo bene, me lo ripetevano, aiutandomi.

Moorea
Abbiamo alloggiato all'Intercontinental per 4 notti. Moorea è incantevole e l'albergo Intercontinental ve lo consiglio, è stupendo. I bungalow molto accoglienti, la mattina ti svegli con il canto degli uccelli, vi consiglio i bungalow sulla spiaggia o i garden bungalow. Il mare ha diverse sfumature, passa dal blu all'azzurro turchese al celeste, è stupendo. Lì davanti c'è la barriera corallina. Lo snorkeling è proprio bello, soprattutto se ti sposti verso i bungalow sull'acqua dove c'è il recinto con le tartarughe. Lo abbiamo scoperto per caso, facendo il giro con il kaiak. Così siamo ritornati con pinne e maschere e …….non siamo più usciti se non dopo due ore. Poi si mangia molto bene, non posso dire proprio nulla a riguardo. Nell'Intercontinental c'è anche il delfinarium. Potevamo non fare una nuotata con i delfini? Certo che no, ci sono andata apposta in quell'albergo. Ti fanno anche la foto, devi pagarla a parte però. L'escursione con il delfino costa 150 euro, ma sei in Polinesia e quando più ti ricapita di nuotare con un delfino? E’ stato meraviglioso, potevamo abbracciarli, accarezzarli, dargli da mangiare e gli abbiamo toccato anche i denti. Ogni tanto andavo semplicemente a vederli dal ponticello, se beccavi altri turisti che nuotavano con loro, li vedevi anche saltare….. i delfini ovviamente, non i turisti.
Per quanto riguarda Moorea invece è incantevole, quelle montagne bellissime, che vedi proprio dietro l'albergo.
Abbiamo fatto il Safari tour con il fuoristrada, proprio bello, Moorea ti ricorda un po' l'isola di King Kong. Consiglio questa escursione. Ogni due secondi ti alzi per fare foto o accendere la videocamera. E mi sono presa anche una bella capocciata perché ho perso l’equilibrio. Abbiamo visto il Belvedere, le piantagioni di ananas e papaie. Il panorama intorno è ….come si fa a descriverlo? Fantastico. Sei lì e non ci credi. Anche io come “SALENTINA” faccio fatica a credere di esserci stata.
Quando siamo partiti da Moorea, io me ne ero ormai completamente innamorata, mio marito ha quasi dovuto caricarmi sull'aereo, non volevo più venire via.

Bora Bora
Siamo arrivati a Bora Bora, che spettacolo!!!! Siamo rimasti 5 notti. Noi per fortuna abbiamo trovato 5 giorni su 5 di bel tempo. Ma alcune coppie che abbiamo conosciuto nelle escursioni ci hanno confermato che loro non avevano trovato molto sole. Si vede che il Signore ci ha fatto trovare brutto tempo il giorno del matrimonio ma poi ci ha ripagato con il viaggio di nozze.
Abbiamo alloggiato all’Intercontinental Le Moana a Punta Matira, più piccolo di quello di Moorea ma comunque molto bello.
Avevamo il bungalow sulla spiaggia, dalla finestra non c’era un bella vista, c’era decisamente un quadro. La laguna è meravigliosa, ti toglie il fiato. Scendavamo i tre scalini in legno del nostro terrazzino ed eravamo in spiaggia. Se potete evitare, non prendete i bungalow sull’acqua, non ne vale la pena. Anche noi lo volevamo, poi abbiamo rinunciato per il prezzo. Menomale. Alcuni sono sempre all’ombra, quindi devi comunque venire sulla spiaggia se vuoi prendere un po’ di sole e magari ti devi fare 2 chilometri (si fa per dire) per arrivare alla spiaggia. Se prendi il kaiak (che è gratuito) in un quarto d’ora puoi andare al motu davanti all’albergo, lì c’è un giardino di corallo dove fare snorkeling. Noi non siamo riusciti ad andare, perché eravamo sempre in qualche escursione, però ci hanno detto che è bello. Da quello che ho capito, per chi sceglie un albergo in base allo snorkeling, quello è uno dei punti migliori. Quindi il nostro albergo era perfetto. Ma anche lì all’albergo qualche pescetto c’era, abbiamo visto anche una razza e l’acqua…..era una piscina.
Sia qui che a Moorea, pure essendoci molta gente, almeno credo, sembrava di essere da soli, o con altri tre o quattro gatti. Ma anche quando andavi in giro per l’isola in qualche escursione, vedevi poca gente.
Ma Bora Bora non era un’isola molto turistica? Sarà che io ho un’altra idea del molto turismo, a meno che non fossero tutti invisibili.
Appena metti sotto la testa nel mare, è magnifico. Credo che neanche nel Mar Rosso dove ho fatto molte immersioni, ho visto una meraviglia del genere. Qui non ho fatto immersioni, ma già con lo snorkeling.......senza parole!
Siamo andati a fare la gita al Lagoonarium. Fatela, non ve la dimenticate più. E non dimenticate la macchina fotografica subacquea, vi mangereste le mani. Poi come fate a fare rosicare gli amici, quando tornate???
Prima ti portano a fare lo shark-feeding sulla barriera, davvero molto emozionante, l'acqua è limpidissima, le razze sono enormi, quasi come te. Buttano un po’ di pesce e dopo pochi istanti….eccoli! a frotte! miriadi di pesci tropicali, razze e squaletti di barriera. Penso che il dito mi si sia incantato sul pulsante della macchina fotografica. E’ un’esperienza stupenda. Poi vai al giardino di corallo dove nuoti in mezzo ad un centinaio di pesci e infine al lagoonarium, dove ci sono razze e ..... "SQUALI LIMONE". Mamma mia!!! Il più grande è di tre metri. Però chi ti porta a fare questa escursione salta questa piccola opzione e tu entri bello contento, armato di macchina fotografica subacquea e nuoti bello tranquillo, ignaro di quale mostro gigantesco ci sia lì dentro, anche se in verità non ti rendi conto delle sue dimensioni quando sei dentro. Non sono pericolosi però, li rimpinzano ben bene, prima che arrivi tu. Tanto che quasi non mangiavano neanche il pesce che gli buttava la guida. Abbiamo anche fatto l’escursione con lo scafandro, sott’acqua, direi davvero divertente. Sei in mezzo alle razze che ti si strusciano addosso ma non sono pericolose con la coda se non attaccano, anche perchè sono più interessate a cercarti qualche pescetto che a pungerti. Sembra che volino in mezzo all'acqua. Sono di un morbido ad accarezzarle. E quanti pesci. Che forza!!!
Ovviamente ti vendono anche il filmino, se lo vuoi. Noi lo abbiamo preso, davvero bello, è stata l’invidia di chi lo ha poi visto. È costato 50 euro ma è un ricordo che poi ti rimane e soprattutto dà bene l’idea di cosa c’è sott’acqua.
Una sera siamo andati a vedere i loro balli, non quelli per i turisti, è proprio una gara che fanno tra i vari villaggi. Davvero fantastico, ci è piaciuto tantissimo. E’ durato più di due ore, ma mi sono sembrati cinque minuti. Anche la prima parte dove cantavano soltanto è stata bella.
Che posso dire di Bora Bora? E’ incredibile, un sogno ad occhi aperti, come tutte le isole che abbiamo visto in Poilinesia.  A me è piaciuta non tantissimo, di più.

Rangiroa 4 notti,5 giorni
Qui abbiamo fatto la crociera con la Haumana Cruise, uno yacht di lusso con 12 cabine, però eravamo solo in quattro coppie. Da pacchia!!!
Per chi vuole andare a Rangiroa consiglio questa crociera dove te la fanno visitare in lungo e in largo.
Che dire? Se il viaggio di nozze fino a qui era stato perfetto, con questa crociera abbiamo raggiunto il top del top. Viziati e coccolati, con un servizio eccellente. Era bello perché pur essendo una crociera ad alta qualità, era allo stesso tempo famigliare, informale, non dovevi presentarti in giacca e cravatta ma vestito normalmente. Ti portavano su atolli o motu completamente deserti, un mare da favola con dei colori mozzafiato, spiagge bianchissime, conchiglie tridacne (si scrive così?) grandi così, decine di paguri che camminavano davanti al mare, coralli sulla sabbia, una vegetazione lussureggiante fatta di palme e piante varie. Tu eri lì e ti chiedevi: ma sto sognando? Sono davvero qui?
Ti coglievano il cocco e te lo davano da mangiare……………… che buono, gnam gnam, altro che il nostro cocco. Il pomeriggio pescavano il pesce e la sera te lo cucinavano, chi non voleva il pesce aveva la carne, però quella non te la pescavano al momento. Abbiamo visto anche i delfini,
Abbiamo nuotato con degli squaletti di barriera a Pink Sand, che dobbiamo avere anche tormentato a forza di inseguirli per fare le foto, tanto che alla fine sono scappati esasperati, li ho anche ripresi. Però non abbiamo visto la laguna blue perché non era compresa nel nostro giro, ma mi consolo perché la coppia che era sulla nostra crociera ci ha detto che loro non erano riusciti a vederla perché c’era il mare troppo mosso.
Ogni giorno facevi qualcosa di diverso. Non ti annoiavi mai. Bello anche lo snorkeling, un pomeriggio addirittura lo snorkeling era stupendo, con tutti quei coralli e spugne.
Più di una volta abbiamo fatto il picnic sul motu, ma non con i panini, bensì con pesce, cocco, verdure, carne, riso. Mi viene ancora l’acquolina in bocca. Il personale ci suonava sempre qualche canzone polinesiana che se solo ci penso, mi viene ancora la malinconia. In Polinesia sono buonissime le banane, l’ananas e il cocco.
Quando siamo partiti, a parte i maschietti, che devono fare i duri, noi ragazze abbiamo pianto tutte.
Poi finita la crociera siamo andati a Tahiti

Tahiti
A Tahiti invece siamo rimasti due notti, abbiamo alloggiato all’Intecontinental, qui lo snorkeling non è un granchè, mentre dall’altra parte dell’isola c’è la spiaggia formata dai coralli ed è chiara, ma noi non ci siamo stati. Comunque l’albergo è molto bello.
Quando andate in agenzia e vi dicono che Tahiti è solo di transito e non vale la pena di restare più di un giorno, per carità non credetegli. Per fortuna io ho insistito per stare un giorno in più e farmi il safari in fuoristrada. Se non lo avessi fatto, avrei commesso l’errore più grande della mia vita.
A Papeete, a parte il mercato che è abbastanza carino, non so cosa ci sia, però all’interno Tahiti è davvero bellissima. Incontri tantissime cascate, non immaginatevi quelle del Niagara, sono cascatelle non grandi ma abbastanza alte, le montagne sono verdissime, una natura rigogliosa, sembra quasi di stare in Perù più che in Polinesia. Abbiamo fatto il bagno in una piscina naturale, all’interno della quale si tuffava un piccolo torrente e lì si creava un piccolo idromassaggio.
Per il pranzo abbiamo sostato in un rifugio in mezzo alle montagne, abbiamo pagato una scemata, tanto che abituati ai prezzi della Polinesia, all’inizio abbiamo pensato avessero sbagliato.
Un giro davvero bellissimo. Tahiti è veramente da lasciare senza fiato.
La mattina dell’ultimo giorno, immaginatevi la scena, eravamo a fare colazione (saremmo partiti la sera), bene! mio marito mangiava e io lì davanti a lui che piangevo come una fontana.

Cos'è la Polinesia? E' il paradiso terrestre, sia sopra l'acqua che sott'acqua.

« Ultima modifica: 16 Gennaio 2009, 14:30:40 da ariannapel »
Connesso