www.polinesia.it

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

SMF - Appena installato!

Autore Topic: Perchè l'Italia non è la Polinesia  (Letto 12877 volte)

aitaepeapea

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 1137
    • Mostra profilo
Re: Perchè l'Italia non è la Polinesia
« Risposta #15 il: 26 Agosto 2008, 16:36:35 »

.... ma i tempi in cui guardavo con trepidazione la cassetta della posta tutti i giorni in attesa di certe lettere, il piacere di trovarle un giorno o l'altro, il gusto di leggere la calligrafia , la consistenza dei sentimenti che il "parlato" di quelle lettere trasmettevano sono sensazioni che nessun Skype o blackberry può sostituire.....

vero... :-\
ma che ci vuoi fare?

controllare queste tecnologie e non "essere controllato" come avviene per tante (ma tante) persone oggi.

Oh SI , questo è fondamentale, ed è per questo che da qualche parte ho risposto che qd sono in Polinesia (ma comunque dovunque, se sono in vacanza) del pc e altre diavolerie non me ne importa un fico secco !!!
non c'è niente che mi irriti più di un cellulare che squilla in riva al mare....ho l'istinto di arraffarlo e gettarlo ai pesci....se non fosse che inquina.. ;)
Connesso
Together...we can live with the sadness
I'll love you with all the madness in my soul
Someday girl I don't know when,we're gonna get to that place where we really want to go and we'll walk in the sun But till then tramps like us baby we were born to run

ferdylosroq

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 317
    • Mostra profilo
Re: Perchè l'Italia non è la Polinesia
« Risposta #16 il: 26 Agosto 2008, 21:41:11 »

ma queste descrizioni mi fanno vacillare l'immagine dell'autenticità polinesiana.

Purtroppo è vero! E' vero che le tecnologie "riducono" le distanze ma io, da semplice viaggiatore, ho notato un forte contrasto con l'"autentica immagine polinesiana". Non dobbiamo dimenticarci che il progresso che noi abbiamo assorbito in centinaia di anni da loro ha avuto un impatto più brusco e violento...Ho notato questo soprattutto a Papeete, guardandomi in giro, i ragazzi del posto, le vetrine dei negozi...La mia paura è che la tecnologia porti fin laggiù troppe immagini di un mondo "non vero", che i ragazzi del posto lascino le isole per cercare altrove chissà cosa...
Connesso

aitaepeapea

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 1137
    • Mostra profilo
Re: Perchè l'Italia non è la Polinesia
« Risposta #17 il: 27 Agosto 2008, 08:07:43 »

...Ho notato questo soprattutto a Papeete, guardandomi in giro, i ragazzi del posto, le vetrine dei negozi...La mia paura è che la tecnologia porti fin laggiù troppe immagini di un mondo "non vero", che i ragazzi del posto lascino le isole per cercare altrove chissà cosa...
ma ferdy....stai parlando della Polinesia come se fosse un paese sottosviluppato in cui all'improvviso è arrivata la ferrovia e la tv.....io più che dell'impatto della tecnologia (che ormai mi pare decisamente metabolizzata) mi preoccupo di quello del nuovo Mac Donald's appena aperto a Papeete che sta minando seriamente la salute dei più giovani, già geneticamente predisposti a patologie metaboliche come il diabete, che in polinesia ha un'incidenza altissima
Se per curiosità vai a gironzolare un momento su un forum polinesiano, come il www.tahitifenua.com, ti renderai conto che il problema reale non è quello dei giovani che se ne vanno, perchè chi lo fa in realtà fa poi di tutto per tornare prima possibile, ma quello di sensibilizzare sopratttutto le nuove generazioni alla salvaguardia della propria salute, evitando, quelli si, i nostri cibi "spazzatura" come merendine e bibite e fast food e soprattutto l'alcool, vero grande problema presente dovunque in Polinesia, ma soprattutto a Tahiti...
Connesso
Together...we can live with the sadness
I'll love you with all the madness in my soul
Someday girl I don't know when,we're gonna get to that place where we really want to go and we'll walk in the sun But till then tramps like us baby we were born to run

braccobaldo

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 105
    • Mostra profilo
Re: Perchè l'Italia non è la Polinesia
« Risposta #18 il: 27 Agosto 2008, 11:19:19 »

Credo che il problema non sia solo nel rapporto tra polinesiani e tecnologia ma, più in generale, risiede nell'eterno confronto/scontro tra uomo e modernità, in questo irrisolvibile contrasto tra un uomo sempre più bisognoso di certezze a cui appoggiarsi ed una società che con il suo continuo mutare nega queste certezze. Questo discorso vale soprattutto per il mondo occidentale mentre per paesi, come la Polinesia, che per secoli hanno vissuto, fortunatamente, al margine di queste dinamiche occidentali questo triste quanto assurdo conflitto uomo-società ancora è agli inizi.
Andando in Polinesia mi è sembrato di stare (per quel poco che ho visto) in una società fatta a misura d'uomo. Tutti hanno possibilità di mangiare e di avere una casa dove dormire e questa è già una grande cosa. Dal modo di vestire e di comportarsi difficilmente si è in grado di notare un'eventuale differenza più che sociale direi economica; in questo vedo un grande rispetto per "l'altro". Una volta garantite le condizioni minime di esistenza immagino che ogni polinesiano viva la propria vita e quindi se da una parte ci sarà quello che passerà i pomeriggi a giocare a bocce o suonare la chitarra per le vie del proprio pease dall'altra parte certamente ci sarà qualcun'altro che starà studiando su internet o comunicando attraverso skype con qualcuno di noi.
Non ho mai pensato alla Polinesia come ad un paese sottosviluppato, anzi dal punto di vista civico li vedo avanti rispetto a noi.
E' si vero che la tecnologia è arrivata da loro ma, sempre per fortuna, non ha ancora avuto la diffusione che invece c'è stata qui in Occidente. Nel mio breve soggiorno ho visto un solo ragazzino con un cellulare in mano; non sono stato nelle loro case ma non credo che i ragazzi polinesiani trascorrano i pomeriggi a giocare alla playstation, a chattare su internet e ad inviare centinaia di sms.
Quando questo avverrà non so se varrà più la pena di fare 20 ore di volo.
Io personalmente nutro una grande sfiducia verso l'agire dell'essere umano; è ovvio che questa sensazione non si estende a tutti ma certamente alla maggioranza per la quale ogni giorno che passa provo semprer maggiore disprezzo.
Posso dire che la Polinesia è stata l'eccezione che conferma la regola, un paese dove si ha ancora il piacere di stare con i propri simili.
Purtroppo il mio realismo mi dice che a breve anche lì le cose cambieranno, certamente non in meglio ma non perchè loro sono delle menti fragili (in precedenza mi riferivo al loro condizione di fronte un'eventuale "invasione tecnologica") ma perchè quello che è accaduto alle menti fragili della nostra società inevitabilmente accadrà anche loro. Nono sono io a dire queste cose ma è la nostra Storia (più recente) che ci spiega che l'uomo non è stato in grado di controllare il progresso tecnologico.
Per i nostalgici del Commodore 64 come me potete immaginare cosa vuol dire accettare questa realtà........che però ancora deve venire e quindi, nel frattempo, vivo nella speranza di ritornare lì il più presto possibile.
Connesso

ferdylosroq

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 317
    • Mostra profilo
Re: Perchè l'Italia non è la Polinesia
« Risposta #19 il: 27 Agosto 2008, 22:14:28 »

ma ferdy....stai parlando della Polinesia come se fosse un paese sottosviluppato in cui all'improvviso è arrivata la ferrovia e la tv.....

Ma che scherzi?  >:( Cosa ti fa pensare che io intendessi questa diavoleria? Non esiste!
I casi sono due: o mi sono spiegato male io o hai capito male tu...
Per me è buona la seconda ma per 'stavolta ti perdono  :D :D :D :D

PS Ci si sente tra qualche giorno...domani si parte per Zanzibar!!! 8)
Ciaoooooooooooooooooo
Connesso

particella di sodio

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 1369
    • Mostra profilo
Re: Perchè l'Italia non è la Polinesia
« Risposta #20 il: 30 Agosto 2008, 10:54:05 »

...domani si parte per Zanzibar!!! 8)
::)  ::)  ::)  ::)


P.S.sei proprio un "tipo da resort"  :P  :D
Connesso
Finirai per trovarla la Via... se prima hai il coraggio di perderti.
(Tiziano Terzani)